Peoplelovelife, parte a Brescia il “sogno realizzabile”

Incontro in Poliambulanza per sensibilizzare la popolazione sulla prevenzione dalle patologie oncologiche del colon retto

Peoplelovelife, parte a Brescia il “sogno realizzabile”
di Sabrina Smerrieri

Brescia 27 Giugno 2022. Si chiama #PeopleLoveLife ed è un progetto di ricercatori, pazienti e studiosi con un sogno realizzabile: rendere nota la presenza sul territorio di strutture e professionisti che lavorano per preservare la vita e renderla più sana e longeva. Sono ancora poche le persone a conoscenza dell’esistenza di screening gratuiti per le patologie oncologiche del colon retto: opportunità salvavita che i cittadini possono cogliere aderendo agli inviti biennali di ATS, inviati per posta.

Basta un esame delle feci, seguito – se necessario - dalla colonscopia per scoprire precocemente il rischio di sviluppare il tumore del colon, uno dei big killer della nostra epoca.

Il progetto Peoplelovelife, incentrato sulla prevenzione, viene presentato lunedì 27 giugno alle ore 16.30 nella sala Convegni di Fondazione Poliambulanza in Via Bissolati 57° a Brescia.

All’incontro “Promemoria per salvarti la vita dal tumore del colon retto: Tecnologie, divulgazione e ricerca scientifica per dire sempre meno "è troppo tardi” interverranno i professori Guido Costamagna direttore Endoscopia Digestiva Chirurgica, Policlinico Gemelli di Roma, Cristiano Spada responsabile U.O. Endoscopia Digestiva, Fondazione Poliambulanza, esperti nazionali in ambito diagnostico, e la dottoressa Silvia Mascaretti, Dirigente Medico nel Servizio di Medicina Preventiva della Comunità di ATS Brescia.

“Il nostro obiettivo non è solo la cura del tumore del colon ma soprattutto la prevenzione – afferma Spada - per questo è necessario sensibilizzare la popolazione attraverso i racconti dei pazienti. Sono due i binari su cui stiamo conducendo e sviluppando il progetto: la prevenzione e l’uso di tecnologie all’avanguardia che riducono le possibilità d’errore. Per questo in Poliambulanza lavoriamo molto con i sistemi d’intelligenza artificiale” – conclude.

“L’utilizzo di tecnologie digitali sta diventando sempre più importante – precisa Costamagna - perché ci permette di ottenere una maggiore confidenza da parte del paziente e fa parte integrante della nostra trasformazione digitale.”

Durante la presentazione verranno riprodotte le video-testimonianze di Paolo e Marialuisa: pazienti, presenti in sala, che grazie alla prevenzione e allo screening, sono riusciti a evitare che un polipo degenerasse in tumore colon-retto.

Il progetto viene sostenuto da Fondazione Poliambulanza e supportato da Olympus, azienda leader nella ricerca di tecnologie all’avanguardia per realizzare diagnosi sempre più precise e mirate alla prevenzione di malattie tumorali.

Si ringrazia ATS Brescia per la partecipazione all’incontro di oggi, con il contributo della dott.ssa Mascaretti.