La dieta mediterranea protegge prostata e reni dai tumori

La nostra dieta mediterranea ha un’azione benefica su tutto il nostro organismo, compreso l’apparato genito urinario

dieta mediterranea tumore
di Raffaele Deantoni

Roma, 8 gennaio 2020 - Il tumore alla prostata è la neoplasia maschile più diagnosticata nel nostro Paese, e numerosi studi hanno dimostrato come l'alimentazione scorretta sia uno dei fattori di rischio principali correlati. Al contrario, una dieta equilibrata e ricca come la nostra dieta mediterranea ha un’azione benefica su tutto il nostro organismo anche sull’apparato genito urinario.

“Solo quest’anno il tumore alla prostata colpirà oltre 37mila persone e il numero di nuovi casi risulta più alto nelle regioni del nord rispetto a quelle del sud - sottolinea il dott. Alberto Lapini, Presidente Nazionale della Società Italiana di Urologia Oncologica (SIUrO) -. Questo fenomeno può essere collegato anche alle differenti abitudini alimentari e all'azione protettiva antitumorale della dieta mediterranea che è tipica del Mezzogiorno”.

Il consumo quotidiano e bilanciato di di frutta e verdura svolgerebbe infatti un’azione protettiva contro questa pericolosa neoplasia. Via libera quindi soprattutto a ortaggi gialli e verdi (carote, albicocche, pomodori, spinaci e broccoli, cavoli e cavolfiori, verdura a foglia verde), olio extravergine d’oliva, ma anche a ribes, kiwi, fragole, noci, cereali integrali e tutti i legumi. Le vitamine A, D, E e il selenio sarebbero anch'esse molto utili, a patto di non abusarne.

Anche l'eccesso di peso costituisce un fattore di rischio importante per il tumore alla prostata, ma non solo. “È un fattore di rischio conclamato anche per il carcinoma renale - aggiunge Lapini - Sono attribuibili al grave sovrappeso più del 30% di tutti i casi. Bisogna sempre seguire una dieta sana ed equilibrata e svolgere anche regolarmente un po’ di attività fisica. Nel nostro Paese invece assistiamo negli ultimi anni ad un aumento di comportamenti pericolosi per la salute come la sedentarietà o le cattive abitudini a tavola. Queste risultano in crescita soprattutto tra i giovani. Contro il cancro invece non si può mai abbassare la guardia. E il primo passo per riuscire a sconfiggerlo è proprio insegnare alla popolazione le regole della prevenzione prima fra tutte quella di consumare una dieta sana ed equilibrata come quella mediterranea”.

Per affrontare in maniera semplice gli aspetti più moderni correlati a prevenzione, diagnosi e terapia delle neoplasie del tratto genito-urinario, la SIUrO ha deciso di aprire il portale on line www.tumorigenitourinari.net. L’obiettivo è di aumentare il livello di conoscenza e consapevolezza su patologie oncologiche diffusissime ma spesso sottovalutate.