Smart working, qualche consiglio per tutelare la salute

Bastano alcune semplici accortezze per stare bene quando si lavora da casa

smart-working consigli salute
di Simona Tagiaferri

Milano 06 luglio –  Il lavoro agile, uno dei tanti portati dell’epidemia da Coronavirus, ha obbligato a un netto cambiamento delle abitudini quotidiane, stili di vita, orari, modalità di interazione. Ed anche ora che siamo in piena fase 3 e che a seguito del lockdown la curva del contagio è scesa, lo smart working rimane protagonista delle giornate di tanti. Una decisione – quella del lavoro a distanza - presa da molte aziende per limitare, quanto più possibile, le occasioni di interazione, anche in virtù delle notizie degli ultimi giorni sui nuovi- anche se isolati-focolai.

Sono 8 milioni gli italiani che proseguiranno con lo smart working per almeno altri 5 mesi, cercando così di togliere terreno al nemico invisibile, contro cui la ricerca non si ferma. A svelarlo è un’indagine Nomisma, che lo presenta come una modalità di lavoro che agli italiani non dispiace (56%), ma neanche piace troppo (44%).

Di fronte all’incognita dei mesi a venire è bene comunque interrogarsi su come affrontare lo smart working nel migliore dei modi, a beneficio della propria salute.

Qual è l’alimentazione giusta da seguire?

Pasti suddivisi nel corso della giornata, scanditi da orari definiti. Questo il consiglio degli esperti per avere maggiore regolarità. Attenzione agli “sgarri” ma anche a non saltare il pasto! Occhio a consumare alimenti che presentino il giusto apporto energetico e vitaminico. Così sarà possibile mantenere alta la soglia dell’attenzione, essere più produttivi e soprattutto non incorrere nel rischio di crisi ipoglicemiche, pericolose per la salute.

Scegliere la postazione idonea

Un giorno intero davanti al pc e mal di schiena la sera. Una spiacevole conseguenza che è possibile evitare con alcuni giusti accorgimenti. Consigliabile adottare una sedia da ufficio con possibilità di regolazione dello schienale e appoggio dei piedi sul pavimento. Inoltre è bene concedersi una pausa ogni ora circa per sgranchire le gambe e far riposare la schiena.

Prestare attenzione alla salute degli occhi


Per combattere la stanchezza della vista a fine giornata basta ricorrere a delle semplici accortezze. Ecco le indicazioni degli esperti:

  • Utilizzare lacrime artificiali per facilitare l’idratazione degli occhi
  • Ricordare di sbattere palpebre ogni 15-20 minuti
  • Posizionare lo schermo in una posizione idonea per evitare eventuali riflessi e leggermente al di sotto della propria linea di visuale
  • Stare a debita distanza dallo schermo affinché le immagini siano a fuoco
  • Assicurarsi che le lenti degli occhiali – per chi le indossi – siano pulite.