Lo studio RELATIVITY-047 ha raggiunto l’endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione

BMS annuncia i risultati principali dello studio di fase 2/3 RELATIVITY-047, che ha valutato la combinazione in dose fissa di relatlimab e nivolumab

studio scientifico melanoma endpoint
di Paolo Cabra

(Roma, 1 aprile 2021) – Bristol Myers Squibb annuncia i risultati principali dello studio di fase 2/3 RELATIVITY-047 (CA224-047) che ha valutato la combinazione in dose fissa di relatlimab, un anticorpo anti-LAG-3, e nivolumab rispetto a nivolumab in monoterapia in pazienti con melanoma metastatico o non resecabile non trattato precedentemente. Lo studio ha raggiunto l’endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione (PFS). Il follow-up per la sopravvivenza globale, un endpoint secondario, è in corso. La combinazione in dose fissa è stata ben tollerata e non sono stati riportati nuovi segnali di sicurezza, sia nel braccio di combinazione relatlimab e nivolumab che nel braccio di nivolumab in monoterapia. Questi sono i primi dati di Fase 3 riportati da uno studio che ha valutato un anticorpo anti-LAG-3. Relatlimab è il terzo distinto inibitore di checkpoint (anti-PD-1, anti-CTLA-4 e anti-LAG-3) per Bristol Myers Squibb e, con nivolumab, la prima combinazione in dose fissa a dimostrare un beneficio per i pazienti.

"Gli inibitori di checkpoint immunitari in monoterapia o in combinazione hanno trasformato il trattamento e migliorato i tassi di sopravvivenza dei pazienti con melanoma metastatico o non resecabile. Tuttavia, rimane un considerevole numero di pazienti che potrebbero beneficiare di una nuova terapia di combinazione che influenza vie cellulari potenzialmente complementari per migliorare l'attività anti-tumorale", ha spiegato Jonathan Cheng, senior vice president ed head of oncology development, Bristol Myers Squibb. "I risultati di questo studio suggeriscono che puntare alla via di LAG-3 in combinazione con l'inibizione di PD-1 può rivelarsi una strategia chiave per potenziare la risposta immune e aiutare a migliorare gli outcome di questi pazienti."

Il gene 3 per l’attivazione dei linfociti (LAG-3) è una molecola di superficie espressa sulle cellule T effettrici e regolatorie (Treg). LAG-3 regola la via di un checkpoint immunitario di tipo inibitorio che limita l'attività delle cellule T, determinando una compromissione della capacità di attaccare le cellule tumorali. In situazioni di persistenza cronica di malattie come il cancro, le cellule T manifestano un progressivo esaurimento funzionale caratterizzato da una sovraregolazione di checkpoint immunitari inibitori come PD-1 e LAG-3. Anche se LAG-3 e PD-1 sono vie distinte di checkpoint immunitari, possono potenzialmente agire sinergicamente sulle cellule T effettrici portando ad esaurimento funzionale le cellule T. Relatlimab è un anticorpo con azione inibitoria che si lega a LAG-3 sulle cellule T, ristabilendo la funzione effettrice delle cellule T depauperate. Relatlimab, in combinazione con nivolumab, è il primo anticorpo anti-LAG-3 che dimostri un beneficio per i pazienti.

Bristol Myers Squibb presenterà i risultati ad un prossimo convegno e discuterà questi risultati con le Autorità Regolatorie.

Bristol Myers Squibb ringrazia i pazienti e gli sperimentatori che sono stati coinvolti nello studio clinico RELATIVITY-047. L'Azienda ha vari studi in corso che stanno valutando l'uso di relatlimab in combinazione con nivolumab e altre terapie per il trattamento di altre tipologie tumorali.

 

Lo studio RELATIVITY-047

RELATIVITY-047 (CA224-047) è uno studio randomizzato, in doppio cieco, di fase 2/3 che ha valutato la combinazione in dose fissa di relatlimab e nivolumab in pazienti con melanoma metastatico o non resecabile, non trattato precedentemente, rispetto a nivolumab in monoterapia. L'endpoint primario dello studio è la sopravvivenza libera da progressione (PFS), valutata con revisione centrale indipendente in cieco (Blinded Independent Central Review, BICR), e gli endpoint secondari sono la sopravvivenza globale (OS) e il tasso di risposta obiettiva (ORR). In totale, 714 pazienti sono stati randomizzati 1:1 a ricevere una combinazione in dose fissa di relatlimab 160 mg e nivolumab 480 mg o nivolumab 480 mg, per infusione endovenosa ogni quattro settimane, fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o ritiro del consenso. Il follow-up per gli endpoint secondari di OS e ORR è in corso.

 

Il gene LAG-3

Il gene 3 per l’attivazione dei linfociti (LAG-3) è una molecola di superficie espressa sulle cellule T effettrici e regolatorie (Treg) e funziona controllando la risposta, attivazione e crescita delle cellule T. Studi preclinici indicano che l'inibizione della via di LAG-3 può ristabilire la funzione effettrice delle cellule T depauperate e promuovere potenzialmente una risposta anti-tumorale. Ricerche iniziali dimostrano che puntare alla via di LAG-3 in combinazione con altre vie immunitarie potenzialmente complementari possa rivelarsi una strategia chiave per potenziare più efficacemente l'attività immunitaria anti-tumorale.

Bristol Myers Squibb sta valutando relatlimab, il suo anticorpo che blocca LAG-3, in studi clinici in combinazione con altre molecole in un'ampia gamma di tipologie tumorali.

 

Il melanoma

Il melanoma è una forma di tumore della pelle caratterizzata da un'incontrollata crescita delle cellule che producono il pigmento (melanociti) localizzate nella pelle. Il melanoma metastatico è la forma più letale della malattia e si manifesta quando il cancro si diffonde oltre la superficie della pelle agli altri organi. L'incidenza di melanoma è aumentata costantemente negli ultimi 30 anni. Negli Stati Uniti, si stima che nel 2021 si registreranno 106.110 nuove diagnosi di melanoma e circa 7.180 morti correlate. Globalmente, l'Organizzazione Mondiale della Salute stima che, entro il 2035, l'incidenza di melanoma raggiungerà quota 424.102, con 94.308 decessi correlati. Il melanoma è per la maggior parte curabile quando trattato negli stadi iniziali; tuttavia, le percentuali di sopravvivenza diminuiscono se sono coinvolti i linfonodi regionali.

 

Bristol Myers Squibb: creare un futuro migliore per i pazienti con cancro

Bristol Myers Squibb è ispirata da un’unica visione: trasformare la vita delle persone attraverso la scienza. L’obiettivo della ricerca oncologica di Bristol Myers Squibb è rendere disponibili farmaci che offrano ad ogni paziente una vita migliore e più sana e rendere la cura una possibilità. Forti dell’esperienza ereditata nel trattamento di diverse tipologie di tumore che hanno cambiato l'aspettativa di sopravvivenza per molti pazienti, la ricerca di Bristol Myers Squibb sta esplorando nuove frontiere nella medicina personalizzata e, attraverso innovative piattaforme digitali, sta affinando le conoscenze per essere sempre più focalizzata sui propri obiettivi. La profonda esperienza scientifica, le capacità all'avanguardia e le piattaforme di ricerca permettono a Bristol Myers Squibb di osservare il cancro da ogni angolazione. Il tumore può avere un forte impatto su molti aspetti della vita di un paziente e Bristol Myers Squibb si impegna a intraprendere azioni per affrontare ogni aspetto della cura, dalla diagnosi alla sopravvivenza. Da azienda leader nella cura del cancro, Bristol Myers Squibb sta lavorando affinché tutti i pazienti con cancro possano avere un futuro migliore.

 

 

Nivolumab

Nivolumab è un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, che è stato progettato per potenziare il nostro sistema immunitario al fine di ristabilire la risposta immunitaria anti-tumorale. Rinforzando il nostro sistema immunitario contro il cancro, nivolumab è divenuto un’importante opzione di trattamento per molti tipi di tumore.

Il programma globale di sviluppo di nivolumab si basa sulle conoscenze scientifiche di Bristol Myers Squibb nel campo dell’immuno-oncologia e include un’ampia gamma di studi clinici, in tutte le fasi della sperimentazione, compresa la fase 3, in molti tipi di tumori. Ad oggi, nel programma di sviluppo clinico di nivolumab sono stati arruolati più di 35.000 pazienti. Gli studi clinici con nivolumab hanno contribuito ad approfondire le conoscenze sul potenziale ruolo dei biomarcatori nella cura dei pazienti, in particolare nel modo in cui essi possano beneficiare di nivolumab trasversalmente ai livelli di espressione di PD-L1.

A luglio 2014, nivolumab è stato il primo inibitore del checkpoint immunitario PD-1 al mondo ad aver ottenuto l’approvazione dalle Autorità Regolatorie. Attualmente è approvato in più di 65 Paesi, inclusi gli Stati Uniti, l’Unione Europea, Giappone e Cina. A ottobre 2015, la combinazione di nivolumab e ipilimumab è stato il primo regime in campo immuno-oncologico a ricevere l’approvazione dalle Autorità Regolatorie per il trattamento del melanoma metastatico ed è attualmente approvata in più di 50 Paesi, inclusi gli Stati Uniti e l’Unione Europea.

 

La collaborazione tra Bristol Myers Squibb e Ono Pharmaceutical

Nel 2011, grazie a un accordo di collaborazione con Ono Pharmaceutical Co., Bristol Myers Squibb ha esteso i diritti di sviluppo e commercializzazione di nivolumab in tutto il mondo esclusi Giappone, Corea del Sud e Taiwan, dove Ono mantiene tutti i diritti sul farmaco. Il 23 luglio 2014, Bristol Myers Squibb e Ono hanno ulteriormente ampliato l’accordo di collaborazione strategica per sviluppare e commercializzare congiuntamente molteplici immunoterapie - sia come singoli farmaci che come regimi di combinazione - per il trattamento dei pazienti con cancro in Giappone, Corea del Sud e Taiwan.

 

Bristol Myers Squibb

Bristol Myers Squibb è un’azienda bio-farmaceutica globale, la cui mission è scoprire, sviluppare e rendere disponibili farmaci innovativi che aiutino i pazienti a combattere gravi malattie. Maggiori informazioni sono disponibili sui siti www.bms.com e www.bms.it o su Linkedin, Twitter, YouTube, Facebook e Instagram.

Celgene e Juno Therapeutics sono sussidiari di Bristol Myers Squibb, che ne detiene la titolarità. In alcuni Paesi fuori dagli Stati Uniti, secondo le legislazioni locali, Celgene e Juno Therapeutics sono considerate compagnie di Bristol Myers Squibb.

 

Leggi anche: Melanoma: in Italia 169.900 pazienti vivono dopo la diagnosi, +70% in 10 anni